Ada Negri, “I sacrifici”

Oggi ho pensato di condividere con voi la voce di Ada Negri, una delle più importanti scrittrici italiane vissuta tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento. Nel 1895 veniva pubblicata la sua raccolta Tempeste, da cui ho scelto il componimento che segue:

I SACRIFICI
I
La maestra

È una maestra. – Ha ne lo sguardo buono
la rassegnata calma paziente
di chi sa il vuoto, il pianto ed il perdono.

Con lungo amore, faticosamente,
i figli d’altri a l’avvenir prepara;
insegna con austere voci e lente.

Ne la sua stanza fredda come bara
ove mai riscaldò fiamma d’ebbrezza
la sconosciuta povertade amara,

ove non fulse mai la giovinezza
d’un lieto sogno, morrà un giorno, sola,
composta il volto a stanza tenerezza;

e su l’algide labbra di viola
e nel vago stupor degli occhi spenti
morrà con essa la ultima parola

del suo delirio: <<O bimbi, o bimbi…attenti …>>.

II
La madre

Vedova, lavorò senza riposo
per la bambina sua, per quel suo bene
unico, da lo sguardo luminoso;

per essa sopportò tutte le pene,
per darle il pan si logorò la vita,
per darle il sangue si vuotò le vene. –

La bimba crebbe, come una fiorita
di rose a maggio, come una sultana,
da la materna idolatria blandita;

e così piacque a un uom quella sovrana
beltà, che al suo desio la volle avvinta,
e sposa e amante la portò lontana!…

… Batte or la pioggia dal rovaio spinta
ai vetri de la stanza solitaria
ove la madre sta, tacita, vinta:

schiude essa i labbri, quasi in cerca d’aria;
ma pensa: <<La diletta ora è felice…>>.
E, bianca al par di statua funeraria,

quella sparita forma benedice.

III
La fidanzata

Egli le disse: <<I monti e l’oceàno
frapporre io devo fra il tuo bacio e il mio;
oh, pensami, mentr’io sarò lontano.

Oh attendimi!… Giammai sonno d’oblio
col tempo graverà sul nostro amore:
serberà la distanza alto desio>>.

… Ed ella attese. – Ed i minuti e l’ore
e i mesi e gli anni, i lunghi anni glaciali,
passaron senza un raggio e senza un fiore

su quei densi capelli verginali;
e quando cadder dal suo volto smorto
le primavere e dal suo passo l’ali,

e una ruga ghignò sovra quel morto
fascino (lenta pioggia il marmo scava),
ei riapparve alfin, come risorto.

Ma non confuser l’infocata lava
de’ baci; non l’ebbrezze desiate:
ella il padrone, egli guardò la schiava,

per ritrovar le forme un giorno amate,
per ritrovarle… – e poi stettero, fisso
lo sguardo al suolo, querce fulminate;

e fra di lor si risquarciò l’abisso.

5 pensieri riguardo “Ada Negri, “I sacrifici”

  1. Versi delicati e profondi, di una toccante intensità.
    Un bellissimo fine settimana a te Cara Amica🌻

    Piace a 1 persona

    1. Uno splendido fine settimana a te ❤

      Piace a 1 persona

  2. Certo che la poesia sulla maestra sarebbe da far leggere a molti genitori, che della figura della maestra e del suo fondamentale ruolo, ben poco comprendono!
    Complimenti per la scelta
    Adriana

    Piace a 1 persona

    1. È vero che molti non se ne rendono conto; grazie mille!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close